Parigi passa il testimone a Catania, tra un anno il mondiale siciliano

 
 
 

Cala il sipario sul Grand Palais di Parigi che, dal 4 novembre, ha accolto i Campionati del Mondo 2010. Il momento di chiusura, in una straordinaria cornice di pubblico, ha visto suggellare il passaggio del testimone organizzativo dalla capitale francese alla città che ospiterà il prossimo anno la competizione iridata: Catania. 

 

E’ stato il primo cittadino di Parigi, Bertrand Delanoe, a passare la bandiera della Federazione Internazionale, nelle mani del Segretario generale della F.I.E., Maxim Paramonov. Quest’ultimo ha, a sua volta, passato la bandiera bianca col simbolo blu al centro, al Presidente della Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso, testimoniando l’affidamento dell’organizzazione dei Campionati Mondiali 2011 all’Italia. Scarso ha infine ceduto il simbolo al Sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli.

Da questo momento dunque, il mondo della scherma internazionale guarda all’Italia ed alla Sicilia internazionale con un’attenzione maggiore.

“Siamo orgogliosi d’aver vissuto questo momento – ha commentato il Presidente della Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso -. Rappresenta per noi un’ennesima sfida e soprattutto un’ulteriore vetrina per il nostro movimento. La macchina organizzativa sta lavorando da oltre un anno all’appuntamento. Adesso ogni giorno andrà vissuto come tappa d’avvicinamento a quello che sarà il sesto Mondiale che si svolgerà in Italia ( Napoli 1929, Roma 1955 e 1982, Torino 1961 e 2006)”.

Particolarmente coinvolto si è mostrato il Primo cittadino catanese, Raffaele Stancanelli. “Ospitare i Mondiali di scherma nella nostra città – ha commentato il Sindaco –, oltre ad inorgoglirci, rappresenterà uno straordinario volano di sviluppo turistico. L’appuntamento coi Mondiali accenderà i riflettori su Catania. Ciò rappresenterà un’opportunità straordinaria sotto il profilo dell’immagine e della capacità organizzativa che sapremo dimostrare per accogliere le migliaia di persone che giungeranno nel capoluogo etneo. Insieme a quello sportivo metteremo in mostra anche il grande patrimonio culturale. È nostro intento far bene e offrire al mondo non solamente una gara sportiva di elevato livello, ma un evento che sarà impresso per sempre nella mente dei partecipanti”.

Presente al Grand Palais anche il Funzionario delegato della Regione Sicilia, Antonio Belcuore. “La Sicilia è pronta ad accogliere l’evento. La nostra Isola punta parecchio sul legame tra promozione del territorio ed eventi sportivi. I Mondiali rappresenteranno la punta di diamante dell’offerta sportiva in Sicilia nel prossimo anno”.

A conservare la bandiera FIE sarà il Comitato organizzatore “SiciliaScherma”, presieduto da Sebastiano Manzoni. “Adesso inizia il bello – ha detto a caldo -. Abbiamo vissuto questo Mondiale parigino, cercando di coglierne pregi e difetti, per evitare di commettere errori e per mettere a frutto quanto di buono fatto dai francesi. Dai Mondiali di Catania manca meno di un anno. Da qui ad allora non ci sarà istante che, assieme ai funzionari della Regione ed ai miei collaboratori che ringrazio già adesso, non ci vedrà impegnati nell’organizzazione di un evento su cui abbiamo scommesso”. 

 

fonte: fesdescherma.it